Sette bellezze per il sorpasso

L’Inter poteva solo vincere per continuare a sognare. Purtroppo non è stato così.  I ragazzi di Pioli non hanno vinto, ma STRAvinto. Dopo i primi 10 minuti con il freno a mano tirato (con occasione per l’Atalanta capitata sul sinistro di Gomez), i nerazzurri, quelli di Milano,  hanno fatto loro la partita.

Nel segno del tre

Il dominio interista è senato dal numero 3 perché tre sono i gol di Icardi e Banega. Il capitano ci mette nove minuti per portarsi a 20 gol in campionato (era dal 47 che un interista non segnava tre gol in così poco tempo). Il primo lo segna di rapina, avventandosi sul pallone come un serpente a sonagli.  Il secondo se lo costruisce sempre il numero nove: si fa atterrare da Berisha in area e purga il portiere albanese con un cucchiaio. Il terzo ed ultimo è il migliore, da centravanti puro. Candreva batte subito il corner corto  per Banega che crossa e Mauro sul primo palo può solo incornare un pallone messo dentro con estrema dolcezza. L’altro eroe di giornata è Ever Banega che dà continuità alla prova di una settimana fa e, oltre a fare due assist, segna addirittura una tripletta. Le prime due marcature sono frutto dell’assistenza di Candreva; l’ultima, invece, è tutto suo: da calcio di punizione buca Berisha alla sua sinistra (il portiere albanese poteva fare meglio).

Lo scherzo del destino

La giornata di oggi era particolare anche e soprattutto per il grande ex: Gagliardini.  Il destino vuole che il centrocampista azzurro segni la sua prima rete al Meazza proprio contro la sua ex squadra. Il Gaglia segna il gol del 6-1 e chiaramente non esulta.

Ottimo lavoro mister

I singoli hanno messo segno le reti, ma la squadra ha vinto la partita. È difficile trovare un giocatore sotto il 6,5. Ottimo lavoro della difesa, a parte sul gol di Freuler, e ottimo match disputato anche da Kondogbia. È lui il vero simbolo del lavoro di Pioli, un lavoro che merita di essere premiato a fine campionato con la conferma in panchina.

Autore

giacomoberetta20@gmail.com'
Giacomo Beretta
Studente universitario presso Università Cattolica del Sacro Cuore, stagista presso Noibrugherio e interista dalla nascita.