Juventus-Inter: in campo ad armi pari

Il derby d’Italia è alle porte. Domani sera Juventus e Inter scendono in campo per giocarsi la partita più importante, almeno dal punto di vista storico, del campionato italiano. Le due squadre,  seppur con obiettivi differenti, hanno molte cose in comune.

Mai così simili

Prima di tutto il modulo: il 4-2-3-1 è la certezza per Pioli, un allenatore che, arrivato in punta di piedi nell’universo nerazzurro, ha vinto e convinto nonostante l’uscita dalla Coppa Italia per mano della Lazio. La Juve, invece, ha raccolto 9 punti su 9 grazie a questo modulo e non sembra intenzionata a cambiare, soprattutto, perché lo schema sembra valorizzare al massimo tutti gli attaccanti.

Corsa e sacrificio

Gli altri punti che avvicinano maggiormente le due formazioni sono lo spirito di sacrificio degli esterni (Cuadrado e Mandzukic da una parte e Candreva e Perisic dall’altra) e l’attitudine dei centrocampisti, giocatori totali in grado di curare fase offensiva e difensiva.

Titolarissimi

Pioli scioglierà i dubbi nelle ultime ore, ma sembra intenzionato a schierare Handanovic in porta; D’Ambrosio, Miranda, Medel (o Murillo) e Ansaldi in difesa; Gagliardini e Brozovic a centrocampo; Candreva,  Joao Mario e Perisic dietro a Icardi in attacco. Il bomber argentino ha un ottimo feeling con la Juve e con la maglia bianconera. 7 i gol segnati nelle ultime 8 uscite contro la Signora. Il numero 9 dell’Inter spera di ripetersi anche domani sera.

Applausi comunque

Allegri, per il terzo anno di fila, sta conducendo la sua Juve in testa alla classifica, in semifinale di Coppa Italia e agli ottavi di Champions League. Chapeau.  Per domani conferma la Juve delle ultime uscite con Buffon in porta; Alex Sandro, Chiellini,  Bonucci e Lichtsteiner in difesa; Khedira e Pjanic a centrocampo; Cuadrado, Dybala e Mandzukic dietro a Higuain.

Tutti sintonizzati

Milioni di persone domani sera avranno il televisore acceso e la motivazione è solo una: vedere il derby e ammirare i giocatori stellari che scenderanno in campo con un unico obiettivo, vincere.

 

Autore

giacomoberetta20@gmail.com'
Giacomo Beretta
Studente universitario presso Università Cattolica del Sacro Cuore, stagista presso Noibrugherio e interista dalla nascita.